Scritti di ottica by Isaac Newton

By Isaac Newton

Show description

Read or Download Scritti di ottica PDF

Best italian books

Piccola enciclopedia delle curiositа scientifiche N.1 Il pianeta Terra

Allegato al Corriere della Sera in collaborazione con concentration (2005)Primo quantity di una serie di quattro. - Первая книга серии из 4-х: Планета Земля. Il nostro pianeta nasconde mille segreti sulla sua origine ed evoluzione: numerosi sono infatti i fenomeni naturali che ci sconvolgono e stupiscono, tante le curiositа che riguardano l. a. natura e gli animali.

Additional resources for Scritti di ottica

Sample text

Anche in Leopardi la fede nel divenire pensa il divenire come suprema evidenza. Tuttavia il pensiero di Leopardi si spinge così avanti, nell’esplorazione delle proprie radici, da affermare che l’evidenza del divenire è la stessa evidenza della contraddizione che avvolge l’essere in quanto essere, l’esistenza in quanto esistenza (cfr. cap. XI): l’esistenza è contraddizione; la contraddizione è esistente; la verità è l’esistenza della contraddizione. A questo punto – che matura nello sviluppo dei Pensieri, e che già Il nulla e la poesia ha incominciato a indicare (cfr.

Cap. II). Ciò che esce dal nulla non può unirsi al già esistente in forza di un legame necessario. Uscendo dal nulla non ha alcun diritto da accampare, nessuna vocazione originaria da esprimere e da far rispettare, nessuno scopo da raggiungere. E nessun legame di tale natura può unire ciò che va nel nulla alle cose che continuano ad esistere. E poiché la totalità dell’esistente è costituita da cose che sporgono provvisoriamente dal nulla, nessun legame necessario può unire le cose che costituiscono la totalità di fatto esistente.

Non nel senso che egli sia meno esistente degli altri uomini e si porti sull’ultimo gradino dell’impercorribile scala che con gradazione e progressione dovrebbe portare dall’essere al nulla. Nel genio, anzi, la forza dell’esistenza raggiunge, come potenza del canto, il punto più alto consentito ai mortali (NP, XV, III, 7; XVI, III, 3). ]» (NP, XIII, I; il coro dei morti termina nominando appunto il «fato» comune) e vede, al di là di ogni illusione, la verità non smentibile: «l’infinita vanità del tutto» – la nullità infinita e eterna di ogni cosa e dunque della stessa forza suprema con cui il canto del genio vede che il tutto è nulla.

Download PDF sample

Rated 4.72 of 5 – based on 25 votes